Fiaba il Mago Visualizza ingrandito

Fiaba il Mago

Nuovo

La storia della fata dalle ali di china che ha voluto trasformarsi in un dio.

Maggiori dettagli

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 1 Punto Fedeltà. Il totale del tuo carrello 1 punto può essere convertito in un buono di 0,30 €.


13,00 €

Aggiungi alla mia lista dei desideri

Pagamenti Accettati
Pagamenti Accettati

Dettagli

Fiaba il Mago

I tre capolavori

Autore: Emiliano Billai

Illustrazioni (27 interne + cover): Emiliano Billai

Anno: 2014

Formato: 13,5x21 cm (brossura)

Pagine: 224

Collana: Collana Fantasy LaPiccolaVolante

Genere: Dark Fantasy - Grottesco

ISBN: 9788897785088 

Fiaba il Mago racconta la storia della fata dalle ali di china che ha voluto trasformarsi in un Dio. Lo stile di scrittura è simile alle pennellate su un foglio bianco, su cui il protagonista crea un mondo a sua misura, perfetto nella sua imperfezione e nel suo essere dispari. Non cercate virgolette di dialogo, non cercate simmetria o armonia, tutto in questo libro corre sul filo del ribaltamento delle regole, della logica e dell'abitudine non solo della lettura, ma anche della scrittura. Fiaba il Mago non mostra mai palmi accondiscendenti al lettore, non cerca approvazione, non desidera piacere. Il suo intento è disegnare un mondo ideale, trasformare il suo Potrebbessere in esistente, camminare sul mondo consapevole che un disegno è illusione solo finché resta sulla carta, ma diventa reale non appena trasforma la vita o la morte delle persone.

“Mi interessa giocare con gli uomini, come ci giocherebbe un Dio. E forse non lo sono? Oh sì. Do vita alle cose, io. È quello che faccio.”

"Fiaba il Mago è un dio creatore, un giustiziere, un rivoluzionario, un artista anarchico e ribelle i cui eccessi toccano gli estremi della dolcezza e dell'ira" (dalla recensione su Leggere a Colori, di Elisa Mino)

Breve estratto:

E abbiamo finito anche il paesino e il suo porto. Tre. Mono ha mangiato tre gabbiani. Ne ho dovuti disegnare molti altri, perché so che non smetterà. Pare gli piacciano tanto. È bello questo paesino colorato dal mare e dalle facciate azzurre, celesti, gialle, con piccoli buchi per accogliere civette e taccole. È bello perché è silenzioso. Questo mondo è ancora in silenzio, rondini, mosche e borbottii di Mono a parte. Poi sarà bello per il chiasso della gente e il chiasso della gente renderà più bello il silenzio della notte. Devo fare i grilli, non devo dimenticarmi e le cicale per le pinete. E anche le ghiandaie,brave sentinelle. Manca solo una lunga pianura da riempire, ma è il lavoro minore. Erba, insetti, topolini. I pali alti per le postazioni delle poiane e allora anche i serpenti. È una fatica. Pietre e metalli li farò affiorare, come funghi, dalle rocce, così nessun uomo dovrà perdere la vita sotto la terra. Sotto la terra si finirà solo da morti, nel mio mondo.

[Fiaba il Mago, pag. 170]

Recensioni

Valutazione 
06/12/2014

Un dio veramente figo.

"Se mai sulla terra un Dio ha calcato il passo, quel Dio si chiama Paura".
E' difficile non andare d'accordo con Fiaba. Questa bella storia fantasy mette in luce le peggiori debolezze dell'uomo che tuttavia continuano a renderlo il soggetto più divertente da ritrarre.
Fiaba è un dio, con delle maestose e morbide ali nere (ma non chiedetegli di volare, non farebbe mai qualcosa di così banale). Mostra le tipiche insicurezze dell'uomo qualunque e, in fondo in fondo, è pure un dio benevolo, non pretende neanche che le sue creature gli debbano alcun rispetto! Fa ciò che vuole. Come un vero dio che si rispetti, crea, intimorisce, distrugge a suo piacimento secondo un disegno ben preciso.

La punteggiatura e lo stile intricato rendono difficoltoso il primo approccio ma dopo qualche pagina ci si fa subito l'abitudine e la storia scorre via anche troppo in fretta.

Fiaba, le mosche però...

Valutazione 
20/10/2014

999 motivi per leggerlo

999 buoni motivi per leggerlo, e il primo motivo è scoprire perché non 1000.
È una storia imperfetta, come d’altronde lo è la vita di ognuno, costellata da personaggi imperfetti, che vivono in luoghi imperfetti, con vite imperfette (e per fortuna!) Una storia dispari e impari, con un non protagonista che diventa suo malgrado il punto di riferimento di donne e uomini che senza di lui vivrebbero relegati ai margini e che invece hanno la possibilità di riscattarsi e questa opportunità non viene loro concessa per grazia divina, ma conquistata e conservata con le loro scelte, i loro comportamenti il loro intelleto (sto un po’ attualizzando e lo so che non si dovrebbe fare in una fiaba!). E poi trovi personaggi ottusi, imbarazzanti nelle loro patetiche convinzioni e certezze che si sgretolano in pochi istanti con una sola goccia, e poi con un incessante distillare di gocce!
Mai banale, mai scontata, la lettura è accompagnata da sentimenti e sensazioni contrastanti, in cui oppressi e oppressori si mescolano e si confondono (durante la liturgia, chi sa distinguere i veri oppressi? Non sono stati essi stessi degli oppressori nella loro irreprensibile vita?!?). Ti attanaglia l’interrogativo: ma io da che parte sto? O meglio ti pone alla costante ricerca del motivo per cui decidi di stare sempre e in ogni modo con Fiaba. Ti assale un bisogno costante di divorarne una pagina dopo l’altra, leggi con bramosia, per conoscerne l’esito (anzi gli esiti). Merita davvero la capacità descrittiva del creato di Fiaba il Mago e le illustrazioni che raccontano quanto le parole.
Frammenti di storie, di (presunte) debolezze che diventano forza e di (presunta) forza che si appalesa in gigantesca debolezza. C’è vita che nasce e vita che muore ed è questo il senso che si coglie in questa storia che ha un finale che è un capolavoro, ma che non termina davvero. Una storia che ha l’obbligo di proseguire. Ed io lo leggerò volentieri il quarto (numero odioso, condivido!) capolavoro di Fiaba, perché da qualche parte so che c’è e sta già elucubrando e agitando la matita con grande ingegno, a prescindere dal Tempo… chè quello si sa, scorre e non si arresta, a prescindere da tutto

  • 2 clienti su 2 trovano questa recensione utile.

Scrivi la tua recensione !

Scrivi una recensione

Fiaba il Mago

Fiaba il Mago

La storia della fata dalle ali di china che ha voluto trasformarsi in un dio.

Scrivi una recensione

30 altri prodotti della stessa categoria: